Amerio Elisa

Elisa Amerio è nata ed opera a Torino.

Ha affrontato studi di formazione artistica presso il Liceo artistico dell’Accademia Albertina, guidata dai Professori Carlo Terzolo, Gregorio Calvi di Bergolo, Roberto Terracini, Franco Pirastu Usai, Mario Monti, Clara Bonous

Nello studio del pittore Troletti ha iniziato ad esprimersi con la tecnica dell’acquerello.

E’ stata assistente dell’architetto Sala, docente di architettura, nei corsi di arredamento d’interni organizzati dalla Regione Piemonte

Dopo aver superato due concorsi a livello nazionale, si è dedicata professionalmente all’insegnamento della disciplina d’Educazione artistica nella Scuola Media.

Ha continuato ad interessarsi sia agli accadimenti artistici della propria città sia al perfezionamento della conoscenza delle varie tecniche pittoriche.

Continuando a dipingere, la sua sensibilità si è raffinata attraverso l’indagine attenta della realtà osservata e decodificata nelle sue varie forme, rapporti, proporzioni e situazioni prospettiche.

Sempre alla ricerca di una sua personale espressività, ha frequentato lo studio delle pittrici Mara Saroglia e Carla Gentile, praticando la tecnica della pittura ad olio e dell’acrilico.

Attratta maggiormente dalla immediatezza espressiva dell’acquerello, ha trovato in esso quella specificità artistica che cercava e l’ha percorsa con la lievità del colore e della luce e la perfezione delle forme, sotto la guida della pittrice Annamaria Palumbo e del Prof. Sandro Lobalzo.

La sua produzione segue un percorso di attenta osservazione della realtà indagata con attenzione nei particolari, ma con una certa sintesi compositiva. Così le nature morte si presentano con un linguaggio di immediatezza coloristica e di composizione articolata su primi piani e in profondità.

In tal modo l’osservatore riconosce il bello nella quotidianità dei soggetti di Elisa Amerio via via interpretati e rappresentati in una visione distensiva e serena della realtà.

Ha esposto in varie mostre sia personali sia collettive in varie città d’Italia, ottenendo premi e riconoscimenti.

Hanno scritto di lei: M.L. Cimini, I.Vigna, G.G.Massara, A. Mistrangelo, L.Mana

 

OPERE